Free Listing di Google

Free Listing di Google
Da Marzo 2021 è attivo il servizio di Free Listing nel comparatore prezzi di Google grazie al quale hotel e altri siti di prenotazioni online  potranno comparire gratuitamente nel listing organico di Google (nella scheda Google My Business).
 
L’ingresso di Google nel mondo Travel e Alberghiero non è una novità ed è nota la relazione tra questi ed i grandi investitori come Booking . com, Ex_pedia & Co.
I soldi pagati dalle OTA sono una parte rilevante degli introiti derivanti da campagne pubblicitarie di Google e rinunciarvi non era una prospettiva stimolante. Prospettiva che ha sempre tenuto G moderatamente dentro il mondo travel pur avendo strumenti e possibilità per competere e sbaragliare la concorrenza.
Ma ora qualcosa è cambiato e sicuramente l’interruzione degli investimenti pubblicitari causati dal Covid ha spinto Google alla grande scesa in campo.


Come funziona
 
Nella scheda Google My Business tra i siti in cui l’hotel è in vendita (cliccando sulla scheda “prezzi”) sono visualizzati tutti i risultati a pagamento (messi quindi in maggiore evidenza).
Più in basso, con minore visibilità, sono mostrati invece tutti i risultati di partner (altri siti e fonti di prenotazione dell’hotel) elencati in modo organico (GRATUITO)
Qualsiasi hotel può inserire il proprio link nel free listing tramite il proprio account Hotel Center, a patto che disponga di un booking engine idoneo e approvato da Google https://ads.google.com/hotels/partners/
Il ranking all’interno del free listing, neanche a dirlo,  sarà determinato da un algoritmo che rileverà fattori quali:
TariffeAccuratezza del prezzoCoinvolgimento degli utenti nel tempo con il tuo hotel
Sensibile ai trend del momento Google consentirà agli utenti di poter filtrare i risultati per mostrare solo le  tariffe con cancellazione gratuita, mentre pochi altri saranno le opzioni di personalizzazione delle visualizzazione standard proposta.
 
Sarà davvero gratuito per gli Hotel?
Come già detto, il presupposto fondamentale sarà quello di avere un Booking Engine integrato a Google Hotel Ads https://ads.google.com/hotels/partners/ cosa che oggi non rappresenta un problema vista l’ampia offerta.
Quindi, anche se per comparire nella lista dei canali prenotabili (seppur nelle retrovie), non occorrerà pagare Google, le condizioni sono dettate dal partner tecnologico scelto dall’hotel e che appunto gli fornisce lo strumento di prenotazione e collegamento a Google.
L’offerta commerciale di queste aziende è libera e molte offrono tale servizio con un costo di set-up iniziale variabile al quale si aggiunge un costo di Budget + Gestione qualora si opti per una visibilità maggiore competendo con le principali OTA.
 
Quale soluzione migliore per me?
La scelta migliore come al solito, non potrà essere la stessa per tutti e, soprattutto, potrà variare in base a più fattori. Raccomandiamo però alcune semplici precauzioni:
Assicurati di aver un buon set-up iniziale, se opti per il fai-da-te assicurati che sia fatta a dovere e di avere le competenze necessarie: anche se il servizio è gratuito rischi di mostrare informazioni errate al tuo pubblico e arrecarti un dannoScelti una tecnologia affidabile: tra i tanti sistemi integrati non tutti sono uguali e possono fare la differenzaCura la tua strategia di vendita: mostrare un prezzo errato o non monitorare correttamente gli altri canali potrebbe vanificare i tuoi sforziInvesti consapevolmente: decidere di passare (anche solo in determinati periodi) al servizio a pagamento può dare un impulso importante alle vendite. Scegli un partner in grado di garantire un monitoraggio corretto e, soprattutto, che non operi in modo troppo industrializzato
 
Ovviamente non è ancora possibile prevedere quali cambiamenti comporterà questo nuovo servizio ma siamo sicuri che darà un grande scossone alle regole dei giochi on-line, meritando di essere approfondita e provata da tutti, anche coloro che non hanno intenzione di investire in Google Hotel Ads.

Vuoi saperne di più?

Le nostre certificazioni